Home»DONNA IMPRESA»Guide»Aprire una Srl, quanto costa e come fare

Aprire una Srl, quanto costa e come fare

1
Shares
Pinterest Google+

Srl: come aprire una Società a Responsabilità Limitata – Scopri quanto costa una società di capitali, che cos’è una srl semplificata, unilaterale, unipersonale.

donne lavoro
Image by © Rafal Rodzoch/moodboard/Corbis

Oggi parliamo delle s.r.l., ossia le società a responsabilità limitata. Quanto costa e cosa è necessario fare per poterne aprire una. Come prima cosa iniziamo a dire le s.r.l. sono società di capitali, e la Legge 99/2013 ne ha semplificato la disciplina: da giugno 2013 possono costituire una Srls le persone fisiche di ogni età, con capitale sociale minimo di un euro e fino a massimo 10mila (che è invece la quota minima per la Srl tradizionale).

La Srl semplificata (Srls) richiede la sottoscrizione di un contratto o atto pubblico, che può essere anche unilaterale. Di fatto, è possibile costituire anche una Srl semplificata unipersonale, cioè costituita da un solo socio. Tra l’altro con la nota n. 164029 dell’8 ottobre 2013, segnaliamo che il Ministero dello Sviluppo Economico ha di recente espresso parere positivo sulla trasformazione di una Srl Unipersonale in Startup Innovativa.

Vedi anche: Come costituire una Star Up Innovativa agevolazioni e requisiti

Molto probabilmente, la costituzione di società con capitale pari ad un euro diventerà la prassi. L’ostacolo più grosso, però, è costituito dal fatto che dal giorno in cui si costituisce la società questa avrà costi e dovrà affrontare spese. Si pensi al costo del commercialista, se non quello del notaio stesso che si è occupato della costituzione.

Ovviamente ci dovranno essere dei soldi in cassa. Per questo motivo la società se non ha capitale sociale, dovrà pur avere un fondo minimo per le spese ordinarie. Quindi i soci dovranno in ogni caso versare dei soldi alla società per affrontare le prime spese.

A questo punto costruire una società con il capitale di Euro 10 mila (il minimo richiesto per le s.r.l. standard) non era poi così lontano dalle necessità.

Ricordiamo che il capitale sociale è denaro della società, viene versato sul conto della società, e la stessa può quindi disporne dal primo giorno per pagare le spese.

Cosa fare per aprire una s.r.l.

Per aprire una S.r.l occorre un atto costitutivo, va redatto in atto pubblico e di conseguenza richiede la presenza e l’intervento di un notaio, tranne per la S.r.l semplificata. Nel caso che a costituire la società siano più persone, fisiche o giuridiche, è evidente che si stipulerà un contratto tra questi, i quali prenderanno il nome di soci. Mentre se a formare la società è una sola persona allora si procede con la stesura di un atto unilaterale.

Quando si apre una S.r.l bisogna versare al momento della costituzione un capitale sociale. Ciò avviene in forma simbolica per le S.r.l semplificate, ma questo tipo di società non danno garanzie per i creditori. Mentre per le classiche società, il capitale sociale iniziale dovrà essere di 10 000 euro. Non è necessario, però, versare l’intera cifra al momento della costituzione in quanto, come prevede la legge è sufficiente effettuare, un versamento di euro 2.500 ovvero il 25% della somma di 10.000 euro. Oltre a questo vanno aggiunte le spese per il notaio (la parcella varia in proporzione al capitale sociale della s.r.l.) e circa 309,00 euro e per la tassa di concessione governativa.

 

Previous post

Come costituire una start-up innovativa. Agevolazioni e requisiti

Next post

Le donne musulmane sono il futuro (e il presente) del mercato della moda femminile