Home»ECONOMIA»Lavoro»Perché le donne prendono meno di pensione?

Perché le donne prendono meno di pensione?

0
Shares
Pinterest Google+

Pensioni. E’ ormai un dato di fatto: le donne prendono meno rispetto agli uomini. Durante gli anni della crisi il divario è peggiorato in 5 paesi europei. Ovviamente l’Italia è fra questi. Ma come mai?

donne pensione

Le differenze tra uomini e donne si vedono anche dalla pensione. Le donne prendono pensioni minori rispetto ai colleghi maschi. Nel gennaio 2016 secondo l’Inps la maggior parte delle pensioni erogate arrivava a soli 750 euro, e a percepirla per l’80% erano donne. Significa che la maggior parte delle pensioni basse vanno alle donne.

Secondo un altro dato Istat le donne italiane prendono in media 6mila euro in meno rispetto agli uomini. Dunque guadagnano meno, lavorano meno, e prendono meno di pensione.

Ma c’è un altro dato europeo molto significativo che conferma questa tendenza: durante gli anni della crisi (2007/2014) il divario salariale tra uomini e donne è aumentato in particolare in 5 paesi europei: Lettonia, Portogallo, Bulgaria, Spagna e… Italia. A confermare che la crisi non ha fatto altro che peggiorare situazioni di divario già radicato da tempo.

Pensioni più basse, ma anche meno lavoro. Per fare un confronto, in Danimarca l’81,5% delle donne con 3 figli lavora. In Italia, lo stesso tipo di mamma, si ferma al 41,9%, la metà. Di conseguenza prenderà una pensione minore, a volte davvero molto bassa.

Ma, dati a parte, come mai le donne prendono meno di pensione? La situazione è talmente radicata in Italia da sembrarci “naturale”, inevitabile, ma dobbiamo ricordare che si tratta invece del risultato di situazioni culturali, diseguaglianze sociali e tradizioni difficili da contrastare.

Le donne ad esempio sono tuttora penalizzate nel lavoro a causa di carenze di serie politiche per il lavoro femminile che vadano al di là di facili retoriche, ma anche a causa della complessa situazione legata al matrimonio e alla maternità, come abbiamo visto dal confronto tra Danimarca e Italia. Da notare infatti che le donne sposate in Italia prendono il 49% di pensione in meno rispetto agli uomini, perché tendenzialmente fanno meno carriera degli uomini sposati.

Non è vittimismo, ma una realtà basata sui dati: per un uomo sposato è tuttora più facile avere una famiglia e lavorare, fare carriera e raggiungere una pensione dignitosa, rispetto a quanto lo sia per una donna nella stessa situazione.

Previous post

"Il futuro della moda è la sostenibilità dei tessuti" Intervista a Adriana Santanocito di Orange Fiber

Next post

Donne di potere: chi è Janet Yellen, la “boss” della Fed