Home»ECONOMIA»Tutte le detrazioni sugli affitti 2016

Tutte le detrazioni sugli affitti 2016

1
Shares
Pinterest Google+

Detrazioni sugli affitti per giovani, famiglie svantaggiate, studenti fuori sede e lavoratori in trasferta. Tutte le info.

@Age/Contrasto
@Age/Contrasto

Una (piccola) parte degli affitti che vengono pagati può essere detratta in Unico o 730 garantendo così un risparmio sulla tassazione da pagare. Ecco tutte le info su come ottenere le detrazioni.

Vedi anche: Detrazioni fiscali 2016 famiglie coppie e mobili come funzionano

Che contratto di affitto devo avere per accedere alla detrazione 2016 sull’affitto?

Ovviamente prima di tutto devo avere un contratto: ogni forma di accordo “privato” (tradotto, ogni forma di pagamento di canone di stanze o alloggi “in nero”) non porta chiaramente ad alcun riconoscimento di detrazioni.

Bisogna essere in possesso di un contratto di locazione formalmente sottoscritto (il classico 4 anni + 4 anni ad esempio) o di un contratto a equo canone (ad esempio i 3 + 2 anni).

L’abitazione deve fungere anche da prima casa di residenza.

A quanto ammonta la detrazione affitti 2016?

Esistono 2 fasce di reddito entro cui calcolare la detrazione

  • per i redditi con imponibile fino a 15.987,41 euro si possono detrarre 300 Euro.
  • Per redditi con imponibili tra i 15.987,41 e i 30.987,41 euro la detrazione si dimezza, quindi si potranno “scalare” 150 Euro dalle tasse.
  • Per reddito superiori non è prevista alcuna forma di detrazione

Chi ha sottoscritto un contratto a canone concordato vedrà aumentare la quota detraibile a 495 euro (con redditi sotto i 15.987,41 Euro) e 247,90 (con redditi tra i 15.987,41 e i 30.987,41 euro).

Chi invece è in possesso di un contratto di locazione per alloggi speciali (come definito dalla Legge 9/2007) può detrarre 900 euro con reddito sotto i 15.987,41 Euro e 450 euro con reddito tra i 15.987,41 e i 30.987,41 euro.

Detrazioni 2016 per affitti studenti fuori sede

Oltre a chi utilizza l’abitazione in affitto come prima casa spettano detrazioni (nella misura del 19%) per chi affitta un’abitazione per il proprio figlio in località differente da quella dove abita (la distanza dall’abitazione originaria non deve essere inferiore ai 100 km e deve essere posta in una provincia differente). Il massimo detraibile in questo caso è di 2.633,00 euro. (che resta tale anche se la spesa di affitto si detrae su 2 o più figli).

La detrazione si ottiene documentando la spesa effettuata con le ricevute di versamento dell’affitto (oltre ovviamente al contratto di locazione).

Detrazioni 2016 giovani 20-30 anni e per lavoratori dipendenti fuori sede

I giovani tra i 20 e i 30 anni che affittano casa e la utilizzano come abitazione principale (a meno ovviamente che non sia casa appartenente al nucleo familiare) possono detrarre 991,60 euro nei primi 3 anni di locazione se hanno reddito sotto i 15.493,71. Identico importo di detrazione è previsto anche per chi ha un contratto di lavoro dipendente che ha comportato un trasferimento oltre i 100 km di distanza dall’abitazione originaria. In questo caso si potranno detrarre anche 495,70 euro se in possesso di un reddito tra i 15.493,71 e i 30.987,41 euro.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *