Home»DONNA IMPRESA»Guide»Come fare una fattura: esempi e modelli

Come fare una fattura: esempi e modelli

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Come fare una fattura: ecco una semplice guida (e un modello) passo passo per redigere correttamente il più importante documento di un professionista.

Come fare una fattura

Una volta aperta un’attività il primo problema che si pone a molti professionisti è quello relativo a come fare una fattura. Memorizzati i giusti passaggi non è affatto complicato e avendo ancora dubbi ci si può rivolgere ad un consulente fiscale e alla stessa Agenzia delle Entrate che dovrebbe fare sempre anche opera di tutoraggio con chi avvia un’impresa.

Come fare una fattura?

Eccovi una guida agevole su come si fa una fattura (ovviamente tenendo conto che ci sono tante tipologie di Iva differenti, ma i passaggi che vi riportiamo sono quelli essenziali).

La fattura non è null’altro che un semplice “foglio”, potete farlo con un programa di videoscrittura, ma anche a meno e in edicola trovate libretti precompilati. Ma è davvero semplice costruirsi un modello da usare poi sempre:

  1. Inserire in alto a sinistra tutti i nostri dati e specificamente: nome, cognome, indirizzo, numero di partita Iva.
  2. Inserire in alto a destra i dati del cliente cui fatturiamo: nome e cognome (se privato o ditta individuale), estremi della società (se, appunto, fatturiamo ad una società), indirizzo e numero di partita Iva.
  3. Inserire la numerazione della fattura e la data. Ovviamente ricordarsi alle fatture successive di modificare progressivamente il numero della fattura e la data. Si riparte dalla fattura 1 ad ogni anno solare e si inseriscono in dichiarazione tutte le fatture fino al 31 dicembre.
  4. In intestazione si aggiunge anche la causale della fattura (cioè il lavoro che abbiamo svolto).

Arriviamo poi alle parti cifre, e qui iniziamo a variare molto in base al regime fiscale nostro e a quello del cliente.

Ecco comunque la sequenza corretta:

  1. Va riportato il lordo che ci è dovuto.
  2. Va inserita la rivalsa Inps, se vogliamo/possiamo applicarla.
  3. Al totale lordo + rivalsa Inps si aggiunge l’Iva (vedi qui come calcolare la percentuale Iva).
  4. Si detrae l’Irpef all’aliquota relativa alla nostra tipologia fiscale (solitamente al 20% ma è al 15% ad esempio per i cosìddetti minimi; vedi qui come si fa il calcolo della ritenuta d’acconto).
  5. Si aggiunge il corrispettivo del bollo se dovuta
  6. Si inserisce il netto da pagare.

Nella parte terminale della fattura è utile aggiungere i dati per i pagamenti (il numero del nostro conto corrente) e le tempistiche dello stesso (cioè entro quanto tempo il cliente è tenuto a pagarci).

Se si fa parte di qualche regime fiscale agevolato (es. “minimi”, “nuove iniziative” ecc.) si deve inserire il riferimento alla normativa corrispondente (es. per i “minimi” si deve aggiungere la dicitura “Operazione effettuata ai sensi della Legge 190 del 23/12/2014, art. 1, cc. 54-89″).

Modello di fattura

Eccovi un esempio di fattura (consideriamo una “partita Iva classica” con ritenuta al 20%, Iva al 22% e che può applicare una rivalsa Inps del 4%. Ovviamente l’utente e il cliente sono inventati

Mario Rossi
Via Roma, 1 00195 Roma
Partita Iva: 011111111111
                                                                                         Spett. Abba S.r.l.
                                                                                       Via Milano 1 00195 Roma
                                                                                      P.Iva: 00000000001
 
Fattura n. 1 dello 01/01/2015
Importo preconcordato per [inserire tipologia lavoro effettuato]:  € 100
Rivalsa Inps 4%:  € 4
Totale: € 104
Iva 22%: € 22,88
Totale: € 126,88
– Ritenuta Irpef 20%: -€ 25,37
Totale: € 101,51
Bollo: € 2
Netto da Corrispondere: € 103,51

Pagamento con bonifico Iban ITxxxxxxxxx entro il 28/02/2015

Come fare una fattura elettronica

Non è altro che una normale fattura, redatta con le stesse voci e lo stesso sistema di calcolo di cui sopra. Soltanto ha una firma digitale invece di una firma “a inchiostro”.

Questa tipologia è obbligatoria quando si fattura alla pubblica amministrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *