Home»ECONOMIA»Lavoro»Tirocinio: cos’è e come fare stage in Italia e all’estero

Tirocinio: cos’è e come fare stage in Italia e all’estero

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Tirocinio, formativo o professionalizzante, è un modo per accedere al mondo del lavoro e affinare le proprie competenze. E dà diritto ad un salario minimo di almeno 300 euro.

Tirocinio
Photo/Corbis

Tirocinio: un’importante opportunità di formazione e di accesso al mondo del lavoro. Spesso uno studente uscito dalla scuola superiore o dall’università, pur con ottimi voti, non ha la formazione sufficiente per entrare direttamente nel mondo del lavoro. Ecco allora che questa soluzione può essere molto interessante.

Prima di tutto cerchiamo di capire meglio cos’è il tirocinio spiegando le sue due forme specifiche, il tirocinio formativo e quello professionale.

Tirocinio formativo extracurricolare

Si tratta dello stage che tipicamente è rivolto a chi ha da poco (massimo un anno) completato il percorso formativo (scuole superiori, università). “Extracurricolare” perché molti percorsi scolastici hanno già ricompresi stage nel loro programma, mentre i tirocini di cui stiamo qui parlando devono iniziare a titolo di studio acquisito.

La sua durata massima è di 6 mesi per gli studenti. Ma possono ricorrervi anche gli iscritti alle liste di mobilità e i disoccupati (per loro il massimo della durata sale a 12 mesi) e i disabili (massimo 2 anni).

La legge Fornero nel 2013 ha introdotto un’importante novità: il salario minimo garantito. 300 euro mensili (lordi), che in alcune regioni italiane sono anche di più (ad esempio 400 € nella regione Lazio, 500 in Toscana, 600 in Abruzzo e Piemonte).

Il tirocinio non deve essere un lavoro mascherato da stage

In passato il ricorso allo stagista è stato speso un modo per tagliare i costi del lavoro o per far fronte a momentanei picchi di domanda.

Lo stage deve esser però autenticamente formativo. Ecco perché la normativa prevede che le aziende non possano dare al tirocinante compiti a bassa specializzazione (il famoso stagista che faceva le fotocopie e le scansioni) e soprattutto non possa utilizzarlo per sostituire personale malato o in ferie o in cassa integrazione.

Inoltre c’è sempre un rapporto tra numero massimo di stagisti e dipendenti (es. imprese fino a 5 dipendenti massimo uno stagista, imprese con 6-20 dipendenti massimo 2 stagisti ecc.).

Tutti i tirocinanti devon essere inscritti all’Inail e assicurati contro gli infortuni sul lavoro.

Tirocinio professionalizzante

Viene previsto da molti ordini (ad es. avvocati e giornalisti) ed è preliminare alla possibilità di esercitare la professione. Non può superare come durata massima i 18 mesi e permette l’accesso all’esame abilitativo. Viene solitamente chiamato “praticantato“.

Come accedere ai tirocini?

Per quanto riguarda i tirocini professionalizzanti occorre contattare l’ordine cui ci si iscriverà e verificare le specifiche modalità di accesso e frequenza.

Per i tirocini formativi invece il percorso è diverso: moltissime aziende utilizzano gli sportelli stage presenti al’interno delle università e delle scuole per reclutare i profili più interessanti. Negli annunci di lavoro online o cartacei esistono moltissime proposte di questo genere.

Il consiglio che vi diamo è però non sparare nel mucchio. Selezionare le aziende più solide, con migliori prospettive di assunzione (o semplicemente di curriculum) e soprattutto più connesse al percorso formativo. E poi valutare bene in sede di colloquio la proposta dell’azienda stessa: se dall’interlocutore ci arrivano solo dettati in termini di ore di lavoro usiamo del legittimo sospetto. Il tirocinio deve essere anche un progetto che accresce le competenze e forma un lavoratore.

Internship all’estero

Nel mercato comune europeo c’è anche libertà di circolazione dei lavoratori. Una possibilità certamente interessante può essere quella di valutare uno stage all’estero. Migliorare le competenze e, insieme, sviluppare al meglio la lingua.

Sul sito dell’Unione Europea Europa.eu (sezione lavorare per l’Ue, Tirocini) ci sono ad esempio varie proposte per laureati, linguisti, studenti. Si può partire da lì e poi fare ricerche sui siti di annunci lavoro esteri usando come filtri le parole “internship”, “traineeship”, “apprenticeship”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.