Home»MONDO»Usa 2016, Hillary una vittoria e una sconfitta, Trump inarrestabile

Usa 2016, Hillary una vittoria e una sconfitta, Trump inarrestabile

0
Shares
Pinterest WhatsApp

Hillary Clinton vince in Mississippi ma perde contro Sanders  nella culla dell’industria automobilistica, Trump invece non lo ferma nessuno. Le ultime novità su Usa 2016.

Clinton Sanders
REUTERS/Jim Young

La vittoria con il 50,1% dei voti di Bernie Sanders fa sperare ancora chi in questa campagna crede che un’altra America sia possibile.

Una spina nel fianco per Hillary Clinton. Lei che trionfa nel Mississippi, laddove è nato il blues, perde nel Michigan, la capitale automobilistica degli Stati Uniti.

Una vittoria e una sconfitta che possono essere letti attraverso una sociologia demografica: il Mississippi è uno stato super conservatore, a maggioranza afro-americana. Un elettorato fedele a Hillary Clinton.

Il Michigan, non di certo progressista, dopo la crisi della capitale Detroit e della stessa industria automobilistica, ha maturato uno spirito anticapitalista.

Terreno fertile per il senatore Bernie Sanders che fa presa sui giovani bianchi, liberal e sulle masse stanche dell’oligarchia industriale e finanziaria. Sanders rimane in gioco ma la strada verso la nomination è in salita.

E il tallone di Achille del senator del Vermont è la mancanza di supporto da parte dell’elettorato afro-americano.

Tripletta invece per il tycoon americano. Donald Trump vince anche in Michigan, Mississippi e Hawaii. Marco Rubio è praticamente fuori gioco portando la corsa tra repubblicani a una gara a due: Trump e Ted Cruz.

Il miliardario sembra inarrestabile. A nulla servono gli attacchi contro di lui. Anzi sembrano rafforzarlo sempre di piu’. Nel Michigan Trump stravince contando su un elettorato opposto a quello di Sanders: gli operai bianchi liberoscambisti che sono stati danneggiati dal ricorso all’estero della manodopera dell’industria automobilisitca. Lui, “Donald Duck”, come lo chiamano gli americani, calza proprio a pennello con i suoi slogan anti-immigrati. Ora non resta che aspettare il prossimo appuntamento importante: quello delle primarie in Florida.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.